Perchè lottare contro te stessa? … cedi!

dolore 5

“Sedendo quietamente, senza far nulla

viene la primavera , e l’erba cresce da sè”

Poesia Zen

Spesso il dolore, il disagio, la sofferenza si affacciano nella nostra vita. Accade, quando, per esempio, una persona di cui avevamo fiducia ci tradisce. Oppure quando tradiamo noi stessi le aspettative che avevamo su di noi.

Quando scopriamo di non essere all’altezza e ci sentiamo colpevoli, inadeguati. Crediamo che in noi ci siano delle parti sbagliate. Delle emozioni che giudichiamo negative e inaccettabili. Può essere una rabbia incontrollabile, un desiderio inconfessato o una debolezza di cui ci vergogniamo.

Ma soffrire per un proprio modo di essere significa che qualcosa sta lottando in noi per venire alla luce. Qualcosa, spesso, di molto prezioso, che nascondiamo anche a noi stessi. E che si riaffaccia in modi strani, incontrollabili e inopportuni, almeno finchè non sapremo accoglierlo, non gli apriremo le porte.

Quindi la cosa peggiore che possiamo fare è ingaggiare una lotta contro noi stessi. No, quando il dolore o il desiderio inconfessabile si affaccia, cediamo, lasciamogli spazio. Ci attraverserà, e dolcemente sfumerà da noi.

Solo se accetto ciò che c’è dentro di me, tutto il “brutto” che mi appare, solo allora posso diventare ciò a cui sono destinato.

Accettarsi non è piacersi … e, in questa chiave, è molto più importante che volersi bene.

Vuol dire ogni giorno accogliere il proprio fango. Accoglierlo senza alcun giudizio, come la spiaggia aspetta l’onda del mare.

Accogliere i brutti pensieri, la rabbia e l’impotenza, l’invidia e le inquietudini. Accogliere quello che arriva alla coscienza: più di tutto il fango, perché, come hanno insegnato molti Saggi, non c’è niente che innalza come l’incontro con l’inferno ….

Quando il disagio viene accolto e accettato, vedremo nella nostra vita accadere nuovi episodi, nuovi incontri, nuove soluzioni. Il Sé, il nostro nucleo, agisce continuamente sulle cose circostanti. Se ce ne rendiamo conto, la nostra vita cambia e il dolore che abbiamo provato avrà svolto la sua funzione, quella cioè di entrare in contatto con la nostra energia vitale.

Chi accoglie disagio e dolore , si sente via via rinascere ….

______________________________________

Liberamente tratto da:

R.Morelli – Come essere felici – Oscar Mondadori

Un pensiero su “Perchè lottare contro te stessa? … cedi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...