Mese: febbraio 2019

Manuali per “sopravvivere”

Stacks of books

Da sempre l’uomo si è “scontrato” con la necessità di elaborare le difficoltà che incontra nella vita.

A volte si tratta di difficoltà materiali, gravi a tal punto da minare la sua sopravvivenza fisica; altre volte si tratta di difficoltà emotive che altrettanto gravemente possono minare la sua sopravvivenza interiore.

Per questo motivo, da che mondo è mondo, siamo tutti interessati a conoscere tecniche e strategie per risolvere i problemi del vivere.

Si inizia addirittura da bambini essendo la nostra educazione altamente infarcita da prescrizioni o orientamenti alla sopravvivenza che i nostri genitori ci trasmettono attraverso approvazioni e disapprovazioni, segnali d’allarme e di “via libera” …

Molte strategie che mettiamo in atto per sfuggire agli insidiosi trabocchetti del vivere quotidiano derivano da una rielaborazione soggettive delle conoscenze e competenze acquisite per prove ed errori. Sono queste, nella maggior parte dei casi, tecniche che valgono soprattutto per la persona che le utilizza poiché intimamente legate con la sua storia. Altre volte, invece, queste strategie sono condivisibili perché messe a punto sulla base di molte esperienze di persone diverse e quindi depurate da fattori troppo soggettivi.

Ogni tanto sui giornali o in libreria vengono pubblicati articoli o libri, che a volte diventano casi editoriali, che parlano di persone uscite (o che potrebbero uscire) da situazione altamente problematiche con l’aiuto di rimedi apparentemente un po’ folkloristici.

Ora non ho nulla verso chi trova aiuto in queste tecniche fosse anche solo la consolazione di non essere unico in tali situazioni; mi chiedo, tuttavia, se esiste un modo, quando qualcuno ci propone una strada per la sopravvivenza, per valutare la reale efficacia del suggerimento senza aderire ad occhi chiusi sul “come” e “cosa” fare.

Ad esempio una modalità potrebbe essere quella di non soffermarsi sulle specifiche proposte che ci vengono fatte, cercando invece di capire quali sono i valori che esse contengono e se questi si adattano al nostro vero sentire. In questo modo il “manuale” potrebbe diventare una sorta di guida al proprio mondo interiore per sviluppare quella parte intuitiva di noi che conosce già tutte le risposte e magari scegliere quella proposta con la consapevolezza che è proprio “quella” arrivata al momento giusto.

Pensandoci bene i manuali di sopravvivenza hanno tutti un po’ ragione e il bello sta proprio nell’optare nella “soluzione” che sentiamo più vicino a noi in quel determinato momento. Gli stili di “sopravvivenza” sono tanti possono coesistere e cambiare nel tempo seguendo il flusso della vita personale.

A questo proposito può essere utile e perché no anche divertente questa specie di auto-test. Scegliendo un manuale piuttosto che un altro potremo avere una immagine approssimativa della nostra identità. Possiamo ad esempio scoprire di essere timidi e di aver bisogno di strumenti per stare bene in mezzo agli altri perché scegliamo volentieri manuali della serie “Come aver successo con ..” o “Migliora la tua capacità di …”

Oppure capiamo di essere particolarmente ansiosi perché ci indirizzeremo subito su manuali che ci dicono che senz’altro “si può”.

O ancora ci orienteremo su manuali più prosaici come pubblicazioni di sociologia o psicologia generale che ci inducono a formarci opinioni sulla vita, il suo significato con l’obiettivo di indicarci una strada per trovare il nostro posto nel mondo.

Insomma siamo immersi fino al collo in un mondo di messaggi, consigli, opinioni, suggerimenti di tecniche e strategie per sopravvivere …. Per venirne fuori c’è solo una strada: l’ascolto profondo della nostra parte più intima che ci può indicare la strada giusta, anche scegliendo tra le mille che gli altri hanno pensato per noi.

Dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario. Steve Jobs

_______________________________________________________

Spunto fornitomi da

S.Gastaldi “La terapia degli affetti” – FrancoAngeli

Riflessioni sull’amore

cuori ponte milvio

“Ogni relazione significa definire se stessi attraverso un altro e definire l’altro attraverso se stessi” Ronald Laing

Oggi 14 Febbraio San Valentino, celebrazione universale dell’amore romantico.

Rito annuale dell’amore alla Peynet dove un lui e una lei teneramente seduti su una panchina aprono le finestre dei loro cuori l’uno all’altra.

Festa di tutti quegli innamorati che a Roma hanno circondato i lampioni di Ponte Milvio con i lucchetti come pegno delle loro promesse.

Ma l’amore è realmente questo valzer di cuoricini, fiori, palloncini, stucchevoli cioccolatini… languidi baci e tenere carezze????

A questo punto chi mi legge potrebbe dire:” ma che sei scema??? Lo sanno tutti che amore è anche impegno, progettualità, confronto,darsi reciproco, arrendevolezza …”

Allora vi potreste chiedere  quale è lo scopo di questo post al di là di una mera disquisizione accademica sulle varie facce dell’amore. In realtà l’idea di fermarmi a riflettere sull’universo amore mi è venuta sollecitata dalle esigenze di alcuni miei clienti di esplorare le varie facce dei loro mondi “d’amore” .

  1. uomo passionale fatto di viscere e cuore vorrebbe “perdersi, affondare nell’Amore… darsi alla follia” – “sentirci, amarci, sprofondare l’uno nell’altra, l’altra nell’uno… perdere i confini, sperdersi nel deserto e nella tormenta dei sensi…” per poter esorcizzare la morte “rompendo la cadenza del dolore” . Per lui amore è Eros contrapposto a Thanatos.
  2. giovane donna in perenne ricerca del Principe Azzurro che sogna ogni mattina di trovare dietro l’angolo, incastrata invece in rapporti impossibili con uomini “tormentati” per paura di guardarsi intorno rischiando di trovare l’uomo giusto.
  3. innamorata della seduzione, perennemente in bilico tra il rapporto “serio” ed i sobbalzi del cuore.
  4. E ed E. imprigionate nel ruolo di mamma-compagna.
  5. M.che dopo gli “anta” ha finalmente scoperto la passione e si sente finalmente una donna completa.
  6. P.che al contrario, dopo gli anta, ha abdicato alla passione per una serena e un po’ noiosa laguna senza increspature.
  7. ragazzo giovane già “cinicamente” consapevole delle trappole del cuore.

Il filo che unisce tutti questi cuori è il voler ri-trovare lo stato nascente, la pietra miliare da cui tutto ha avuto inizio nella consapevolezza del “qui e ora”.

E il punto di partenza è sempre ri-trovare se stessi, innamorarsi di se stessi come individui autonomi e indipendenti.

Non si può donare ciò che non si ha. Amare significa essenzialmente dare. Possiamo trasmettere amore all’altro esclusivamente in proporzione all’amore che abbiamo per noi stessi.

Inoltre per poter far dono di se stessi è necessario che vi sia un Sé da offrire e una matura consapevolezza di esso, perché solo un Sé autonomo e libero può essere contemporaneamente individualista e altruista.

Esistono diversi tipi di dipendenza  camuffata da amore, e relazioni di scambio fondate sulla necessità, ma neanche queste sono amore autentico, profondo, spontaneo, poiché questo è legato alla capacità di essere autonomi , quindi non vincola bensì è liberatore.

Nell’atto d’amore il momento di estasi si realizza nella massima unione, nella fusione e con-fusione di testa, cuore e viscere, che consente di attraversare il confine tra l’una e l’altra identità. In questo darsi e trovarsi l’orgasmo può allora essere libero da controlli, ostilità o trionfo, in quanto esiste una interdipendenza di due Sé autonomi che non temono il momentaneo annullarsi e confluire uno nell’altro, poiché sanno tutti e due che da questo temporaneo mescolarsi le due rispettive individualità non potranno che uscire più ricche e più forti.

Proviamo quindi a considerare la “coppia” come un essere/avere “un compagno nella stanza a fianco” . Come quando, vivendo sotto uno stesso tetto ciascuno può stare da solo in una stanza nella consapevolezza però che l’altra stanza non è vuota, bensì ricca di un’altra presenza, non obbligata, ma in ogni momento liberamente raggiungibile e allo stesso modo liberamente allontanabile.

Allo stesso modo, nella coppia psicologicamente matura dove ciascun elemento è autenticamente libero, la consapevolezza del proprio stare insieme costituisce la “casa” calda, rassicurante e gratificante. Ciascuno dei partners, in questo modo, si sente con-tenuto sapendo di poter entrare/uscire dalle “stanze” secondo le rispettive intime esigenze. Anche uscendone, infatti la casa rimane come punto di riferimento e continuità. In tal modo la sicurezza dell’agibilità dell’altro placa la fame di simbiosi e rende capaci di vivere fuori di lui ,cioè autonomi, e nello stesso tempo disponibili a lui, in quanto liberi.

La scatola

scatola prigione

 

“ La tua vita inizia dall’altra parte. Diventa il cielo. Prendi una scure contro le pareti della prigione, fuggi, esci camminando come rinato nel colore. Fallo ora …” Rumi

Sulla scia della formazione che ho condotto ieri, il corso per Agevolatori nel Metodo Mandala-Evolutivo®, e sul passo che abbiamo attraversato quell’infanzia da cui veniamo e di cui portiamo le tracce nella nostra “forma”, una riflessione liberamente tratta da Krishnananda …….

Da bambini abbiamo un disperato bisogno di guida e direzione. Abbiamo bisogno di dare un senso la mondo che stiamo scoprendo, e di un criterio per determinare quello che è giusto e quello che è sbagliato. I genitori e, in un senso più ampio , l’educazione in cui veniamo cresciuti ci danno, in misura maggiore o minore, un codice di comportamento e una morale in accordo con i quali vivere.

Nel fare questo i genitori, e tutti coloro che sono importanti lungo il nostro processo di crescita, ci danno ciò che loro sinceramente credono ci serva per diventare persone felici.

Tuttavia esiste un problema.

In primo luogo, la guida, le regole e la morale che ci sono state date non diventeranno mai veramente nostre se non le valutiamo e non le mettiamo mai in discussione .Invece di vivere in accordo con la nostra comprensione e intelligenza seguiamo quello che qualcuno ci ha detto di fare o di essere.

In secondo luogo, spesso la direzione che ci viene data è basata sulla paura e su convenzioni inconsce.

Infine, quelle regole e quei modi di vita erano magari del tutto appropriati per i nostri genitori , ma potrebbero non esserlo per noi.

Da bambini non abbiamo la consapevolezza e le risorse per esaminare le regole o i valori che ci vengono dati, quindi non facciamo che accettare inconsciamente, adattandoci senza sapere veramente che cosa facciamo. Molti di noi cresceranno credendo nella verità di ciò che gli è stato dato, senza mettere in discussione i valori e la morale, né vedere le limitazioni che tutto questo porta nella loro vita.

Tutti abbiamo una voce interiore che ci dice che cosa è giusto per noi e come abbiamo bisogno di vivere, e se veniamo incoraggiati ad ascoltare quella voce sviluppiamo un’intelligenza in accordo con la quale vivere. Tuttavia, per molti è diventato difficile ascoltare quella voce, perché condizionati a non darle ascolto. Ci viene insegnato ad ascoltare “quelli che danno cosa è meglio per noi”. Un bambino cui non viene dato sostegno nell’aver fiducia nelle proprie emozioni e percezioni perde il rispetto di sé e il senso del proprio potere, e sviluppa insicurezza e vergogna.

Ci viene data una morale, anziché un insegnamento volto a sviluppare la nostra intelligenza. La maggior parte dei genitori credono che, se non danno una morale ai figli, questi diventeranno cattivi. Ma un bambino che è amato, sostenuto e incoraggiato a sviluppare i suoi valori, basati sulla sua intrinseca intelligenza, diventerà un essere umano più sano, più forte e più compassionevole.

Parlando per immagini, da bambini ci viene data una “scatola” e ci viene detto, verbalmente o non verbalmente, che se viviamo dentro quella scatola , allora riceveremo amore, rispetto e approvazione.

La scatola comporta valori e regole che definiscono cosa significa essere una brava persona e quali cose ci faranno ottenere amore, successo e rispetto.

Il fatto di avere un codice morale e delle regole a cui riferirsi è in un certo senso comodo, poiché ci da la sicurezza e la convinzione che se vivremo secondo quelle regole saremo “OK”.  Inoltre la scatola ci dà una identità e il senso di quello che siamo, ci dà un ruolo e ci dice come essere.

A volte può capitare di sentirci completamente sbagliati o vuoti, ma non verremo mai a sapere che cosa è questa sensazione finchè non ci avventuriamo fuori dalla scatola.

Fare questo passo è molto difficile , c’è un forte meccanismo che ci trattiene dall’uscire dalla scatola : se ci allontaniamo dalle regole e dalle convenzioni che ci sono state date, è probabile che verremo presi dall’ansia, dalla paura e dal senso di colpa.

Queste emozioni sono tutte comprensibili e nascono dalla paura infantile che se ci allontaniamo dalla nostra base sicura, anche se inscatolata, potremmo perdere il sostegno e l’approvazione di chi amiamo.

Tuttavia, una volta che abbiamo assaggiato la dolcezza della libertà, questo sapore rimane con noi per sempre. Una volta che abbiamo visto le limitazioni con cui viviamo, è difficile continuare ad agire come robot.

Forse il passo che più ci terrorizza è cominciare a sfidare le regole della nostra scatola. Vivere senza regole imposte fa paura e quello che spesso succede è che dopo aver scardinato la nostra scatola la sostituiamo con una nuova. Questo a volte è un primo passo necessario, ma continuando nel processo riusciremo a guadagnare abbastanza sicurezza e fiducia in noi stessi da poter vivere in accordo con la nostra intelligenza, il nostro intuito e il nostro cuore, momento per momento. Allora saremo capaci di rispondere alle situazioni a partire dal “qui e ora”, non da un’idea del passato. Saremo capaci di vivere senza una scatola ….

 

 

___________________________________________________

Liberamente tratto da: Krishnananda – Fiducia e sfiducia – Ed.Feltrinelli

Introspezioni

introspezione

“ so cosa mi direte, che bisogna rientrare in se stessi … sono rientrato in me stesso più volte. Soltanto, ecco, non c’era nessuno. Allora, dopo un momento ho avuto paura e sono tornato fuori a fare del rumore per rassicurarmi …” Jean Anouilh

Gli stati d’animo sono l’espressione e la sede della consapevolezza. Quei momenti in cui ci sentiamo esistere, corrispondono, se ci riflettiamo un po’, ad un equilibrio particolare: ci sentiamo distinti da quel che ci circonda e al contempo sentiamo di farne parte. Al contrario evacuando i nostri stati d’animo, non facendoci attenzione, ci ridurremo a semplici “macchine per vivere”. E, a volte, non appena smetteremo di agire o reagire, saremo invasi da una sensazione di vuoto, inquietante o deprimente.

Noi abbiamo bisogno dell’introspezione, di guardare dentro noi stessi. Certo piegandoci troppo su noi stessi, possiamo perdere l’equilibrio e affogare. Certo l’introspezione da sola non basta: dobbiamo anche vivere, e l’azione e l’incontro ci insegnano e ci rivelano parecchie cose su di noi. Forse ci rivelano anche più cose dell’introspezione e riguardo a quello che siamo. Ma probabilmente ce ne rivelano di meno a come lo siamo a ciò che ci determina a esserlo ….

E poi, esercitarsi nell’introspezione è come concedersi il tempo di accordare il proprio strumento musicale, per poi suonare meglio. Quanti di noi si preoccupano di ri-accordare regolarmente la propria anima???

Cosa facciamo subito dopo aver litigato con qualcuno? Ci precipitiamo al telefono per sfogarci con qualcuno di partecipe che, non avendo assistito alla scena, sarà pienamente d’accordo con noi. Dopo di che , riprenderemo a fare quello che stavamo facendo, rimuginando.

Cosa facciamo se ad un certo punto ci blocchiamo nel lavoro? Ci irritiamo, poi ci alziamo per rinfrescarci le idee. Ci mettiamo a guardare le nostre mail, oppure usciamo a prendere un caffè.

Agendo in questo modo, non abbiamo fatto altro che sfuggire ai nostri stati d’animo anziché accoglierli.

Paradossalmente, è in seguito a questo tipo di comportamento che il rischio del rimuginio è più alto. Dal momento che la piccola piaga legata agli stati d’animo non è stata pulita e non le abbiamo prestato attenzione, il problema si ripresenterà tranquillamente, restando sullo sfondo delle noste attività, sotto forma di rimuginii.

Perché in momenti come questi non ci concediamo il tempo di respirare a fondo e dirci … “ che cosa sta succedendo dentro di me? Che cosa c’è che non va? Che cosa è questo senso di malessere? Che cosa posso accettare e che cosa posso cambiare?” Poi occuparci d’altro e vedere che cosa succede …

E perché non prendere anche l’abitudine di chiederci: “come va lì dentro?” più volte nell’arco della giornata. Perché non misurare la temperatura dei nostri stati d’animo il più regolarmente possibile?

Senza questa ginnastica dolce, navigheremo perennemente tra due scogli: lasciarci sommergere dai nostri stati d’animo (il rimuginio) e rifiutarci di prestarvi attenzione (la fuga che in questo caso è fuga da sé).

Mentre invece, come sempre, la via da seguire è quella che sta nel mezzo: un introspezione tranquilla ma consapevole dei propri limiti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: