Tag: ricerca

Manuali per “sopravvivere”

Stacks of books

Da sempre l’uomo si è “scontrato” con la necessità di elaborare le difficoltà che incontra nella vita.

A volte si tratta di difficoltà materiali, gravi a tal punto da minare la sua sopravvivenza fisica; altre volte si tratta di difficoltà emotive che altrettanto gravemente possono minare la sua sopravvivenza interiore.

Per questo motivo, da che mondo è mondo, siamo tutti interessati a conoscere tecniche e strategie per risolvere i problemi del vivere.

Si inizia addirittura da bambini essendo la nostra educazione altamente infarcita da prescrizioni o orientamenti alla sopravvivenza che i nostri genitori ci trasmettono attraverso approvazioni e disapprovazioni, segnali d’allarme e di “via libera” …

Molte strategie che mettiamo in atto per sfuggire agli insidiosi trabocchetti del vivere quotidiano derivano da una rielaborazione soggettive delle conoscenze e competenze acquisite per prove ed errori. Sono queste, nella maggior parte dei casi, tecniche che valgono soprattutto per la persona che le utilizza poiché intimamente legate con la sua storia. Altre volte, invece, queste strategie sono condivisibili perché messe a punto sulla base di molte esperienze di persone diverse e quindi depurate da fattori troppo soggettivi.

Ogni tanto sui giornali o in libreria vengono pubblicati articoli o libri, che a volte diventano casi editoriali, che parlano di persone uscite (o che potrebbero uscire) da situazione altamente problematiche con l’aiuto di rimedi apparentemente un po’ folkloristici.

Ora non ho nulla verso chi trova aiuto in queste tecniche fosse anche solo la consolazione di non essere unico in tali situazioni; mi chiedo, tuttavia, se esiste un modo, quando qualcuno ci propone una strada per la sopravvivenza, per valutare la reale efficacia del suggerimento senza aderire ad occhi chiusi sul “come” e “cosa” fare.

Ad esempio una modalità potrebbe essere quella di non soffermarsi sulle specifiche proposte che ci vengono fatte, cercando invece di capire quali sono i valori che esse contengono e se questi si adattano al nostro vero sentire. In questo modo il “manuale” potrebbe diventare una sorta di guida al proprio mondo interiore per sviluppare quella parte intuitiva di noi che conosce già tutte le risposte e magari scegliere quella proposta con la consapevolezza che è proprio “quella” arrivata al momento giusto.

Pensandoci bene i manuali di sopravvivenza hanno tutti un po’ ragione e il bello sta proprio nell’optare nella “soluzione” che sentiamo più vicino a noi in quel determinato momento. Gli stili di “sopravvivenza” sono tanti possono coesistere e cambiare nel tempo seguendo il flusso della vita personale.

A questo proposito può essere utile e perché no anche divertente questa specie di auto-test. Scegliendo un manuale piuttosto che un altro potremo avere una immagine approssimativa della nostra identità. Possiamo ad esempio scoprire di essere timidi e di aver bisogno di strumenti per stare bene in mezzo agli altri perché scegliamo volentieri manuali della serie “Come aver successo con ..” o “Migliora la tua capacità di …”

Oppure capiamo di essere particolarmente ansiosi perché ci indirizzeremo subito su manuali che ci dicono che senz’altro “si può”.

O ancora ci orienteremo su manuali più prosaici come pubblicazioni di sociologia o psicologia generale che ci inducono a formarci opinioni sulla vita, il suo significato con l’obiettivo di indicarci una strada per trovare il nostro posto nel mondo.

Insomma siamo immersi fino al collo in un mondo di messaggi, consigli, opinioni, suggerimenti di tecniche e strategie per sopravvivere …. Per venirne fuori c’è solo una strada: l’ascolto profondo della nostra parte più intima che ci può indicare la strada giusta, anche scegliendo tra le mille che gli altri hanno pensato per noi.

Dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario. Steve Jobs

_______________________________________________________

Spunto fornitomi da

S.Gastaldi “La terapia degli affetti” – FrancoAngeli

Se non decidi tu, decidono gli altri per te

scelta2

“la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare …” L.Cherubini

Un altro post sulla capacità di scelta … la facoltà che più di ogni altra ci permetta di vivere al meglio e da veri protagonisti la nostra vita. Quindi portate pazienza e se vi va continuate nella lettura …..

Quello che a volte sembra essere il caso sono le decisioni prese dagli altri. Un risultato che scatta quando ci rifiutiamo di compiere delle scelte nostre, quando scegliamo di non prendere decisioni che vadano nella direzione della nostra realizzazione e del nostro bene e anche di quello di coloro che amiamo.

Un buon esercizio per sperimentare come siamo capaci ad “aggrovigliare” la nostra vita  è questo: puoi farlo con il tuo partner, la tua famiglia o magari i tuoi collaboratori di lavoro.

Con la mano destra prendi la mano sinistra del tuo partner e con la mano sinistra prendi la sua mano destra, se siete più persone prendete le mani degli altri e poi avvicinatevi e “legatevi” senza lasciare le mani che stringete, girate su voi stessi, passando nei modi più infiniti sotto le braccia degli altri, affinchè le vostre braccia diventino una specie di catena, fino a creare un vero groviglio che impedisca di fatto ogni movimento.

Simbolicamente, mentre visualizzi questa scena dal di fuori puoi vedere chiaramente le difficoltà che creiamo noi. La capacità di rendere difficili situazioni che altro non chiederebbero se non di celebrare il grande privilegio che avremmo se vivessimo la nostra esistenza esprimendola al massimo potenziale delle nostre possibilità.

Ritornando all’esercizio, dal groviglio creato si cerca la soluzione, senza mai lasciare le mani che teniamo strette. Movimento dopo movimento, intrecciandosi, abbassandosi, passando sotto le braccia degli altri,proviamo a sciogliere i “nodi” creati in precedenza fino a ritrovarci in cerchio in un girotondo gioioso dove le nostre parti intatte e giocose saranno pronte a dare il meglio e a prendersi il meglio da noi stessi e dagli altri. Ora il gruppo è diventato un insieme omogeneo , libero e forte, come accade nei vasi comunicanti; ora la coppia è diventata un insieme di forze e possibilità non fuse bensì complementari dove nessuno ha bisogno di appoggiarsi all’altro.

Un ulteriore scopo di questo esercizio è riconoscere che crescendo ed espandendoti non sei mai stato in pericolo ma divieni quello che avevi sempre sognato di poter diventare e questo avviene in complementarietà con gli altri e non in opposizione. Quindi, forse, tutto si era bloccato nella nostra esistenza perché aspettavamo autorizzazioni da fuori. Se è così ora possiamo smetterla di aspettare semafori verdi dall’esterno, al punto di dare loro la valenza di approvazione a continuare o no, SCEGLIAMO NOI!

Se una persona viene da me e mi dice : “Io voglio essere felice!”, è come se mi comunicasse il risultato di quello che scoprendo gli addendi giusti potrà ottenere. Lì, allora, comincia la sfida e la ricerca.

Una volta identificato quello che potrebbe condurre al risultato, individuiamo come arrivare a far sì che le situazioni che concorrono all’obiettivo vengano raggiunte; così, sommando gli addendi scelti, si arriverà al risultato chiesto.

Se, per te che leggi, oggi quel risultato è la tua realizzazione, occorre chiarificare gli elementi che hai a tua disposizione e ottimizzarli.

Se senti di non farcela da solo fatti aiutare, vai da un Counselor, da uno Psicoterapeuta, da un Coach, farlo significa essere consapevoli delle proprie possibilità e delle proprie fragilità rispetto a una determinata situazione. Forse un tempo creavamo problemi per essere riconosciuti. A volte abbiamo fatto finta di non essere in casa, non c’eravamo per nessuno, ancora oggi, talvolta non ci siamo neanche per noi stessi. Ora siamo stanchi di nascondere il nostro valore!

Senti il bisogno di cambiare? E allora cambia! Evitare di decidere e attendere è una decisione, anche e soprattutto rinunciare lo è. Se eviti di decidere tu decideranno gli altri anche per te e poi dovrai tener conto di quello che loro avranno scelto per te. INSOPPORTABILE!!!!

E ricorda che quello che loro sceglieranno sarà sempre e soltanto il meglio per loro e quindi non necessariamente per te. A questo proposito ci si abitua in fretta a rassegnarsi e a un certo punto siamo così abituati a rinunciare e a non realizzarci che a volte, al fine di raggiungere quel risultato, può sembrare proprio più giusto fare la cosa sbagliata.

Tutto questo si potrebbe riassumere in “tanto è inutile, io non riesco a decidere!” E poiché ti sembrerà inutile ogni tentativo per riprenderti il potere della tua vita, troverai la motivazione per stancarti, per non avere voglia, per lasciare tutto così come si trova, insoddisfazione compresa.

Forse a questo punto ti farà piacere pensare che per tutti è così, non è possibile soltanto prendere decisioni giuste per la nostra vita; forse, se anche ci riuscissimo, se non dovessimo rimediare ai nostri errori … magari a quaranta anni nessuno apprezzerebbe più nulla.

C’è una bellissima metafora in una canzone che secondo me esprime molto bene quello che la paura di sbagliare può incutere in una persona; dice: “la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare …” (L.Cherubini). Trovo che questa descrizione valga per ogni incertezza. Talvolta le indecisioni nascono proprio dalla consapevolezza dell’occasione di poter fare di più e allora è come se la sensazione fosse quella di voler portare a casa il massimo e non sapere come fare.

Gli scienziati dicono che noi contattiamo fino a 500.000 pensieri al giorno, analizziamo una cosa, la scegliamo e la approfondiamo o la scartiamo e passiamo ad un altro pensiero. Lo facciamo continuamente, questo non è decidere? Prova a ritenerti capace di scegliere come se fosse possibile. Ecco un nuovo gioco, Evita di avere dubbi, evita di alimentarne. Fai cose nuove sul palcoscenico della tua esistenza preparati a interpretare il ruolo di essere qualcuno che decide con facilità.

Cambia tutto quello che puoi intorno a te. Se prima facevi il bagno ora prova a fare la doccia, cambia la marca dei saponi, del bagnoschiuma, di quello che mangi a colazione, a pranzo, cambia mezzi, atteggiamenti, posture, ecco che, se lo farai per un po’, potresti con sorpresa accorgerti di essere diventato una persona che sa prendere decisioni con maggiore facilità. ……

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: