Sul “qui e ora” ….

QUI E ORA 1

Un proverbio cinese recita: “l’unico luogo in cui vivere è qui, l’unico tempo in cui vivere è ora”. I latini dicevano hic et nunc,; “qui e ora”. Epicuro esortava: “carpe diem”, cogli l giorno.

Il presente costituisce la parte più importante dell’esistenza, l’unica cosa che abbiamo “qui e ora”; viverre in esso non significa cancellare o rinnegare il passato, quanto ci è accaduto. Il passato è importante perchè contiene le tappe della nostra evoluzione; da come eravamo a come siamo diventati. Insomma racchiude la nostra storia. Dovremmo imparare a considerare il passato con spirito critico e distacco per quanto è possibile, senza cadere nella trappola di una sterile nostalgia. Se sapremo prendere le distanze, quando necessario, dai principi, dalle idee, dagli schemi mentali dettati da altri e da noi stessi, quando questi ci appaiono inopportuni e superati, il passato potrà insegnarci qualcosa.

Vivere nel presente non significa neppure non pensare al futuro, essere imprevidenti, non dare un minimo di programmazione alla nostra vita, ponendoci obiettivi e facendo progetti. Non bisognerebbe farsi ossessionare dai nostri fantasmi, dalla paura di vivere, altrimenti le nostre potenzialità e risorse vengono soffocate, i nostri orizzonti si chiudono, la nostra libertà è compressa.

L’intera nostra vita è fatta da attimi e noi dovremmo riuscire a cogliere di essi il massimo ,con disponibilità e consapevolezza.

Se prima di poter amare noi stessi aspettiamo di raggiungere la perfezione, avremo sprecato la nostra vita. Siamo già perfetti, proprio ora e in questo luogo.

Dovremo allenarci a pensare che la realtà è sempre aperta e mutevole, e quindi a non temere i grandi spazi né le grandi opportunità che la vita ci offre.

Impariamo a vedere il presente per quello che è: un luogo infinito dove tutto possiamo osare e nel quale tutto può accadere. E’ a questo punto che potremmo sperimentare emozioni e sentimenti molto intensi, e avere più fiducia e stima di noi stessi.

I sentimenti, così come le emozioni, sono multidimensionali e contengono elementi istintivi, intuizioni, esperienza fisica e sensoriale.

Quando avremo imparato a vivere veramente “l’attimo fuggente”, scopriremo con meraviglia e sorpresa che non vi è più spazio né tempo per rimpiangere il passato o temere il futuro.

“ Non esiste il passato, ma solo il presente del passato

(che si chiama memoria). Non esiste il futuro, ma solo

il presente del futuro (che si chiama speranza). L’unico

ad avere qualche probabilità di esistere potrebbe essere

il presente del presente (che poi in ultima analisi sarebbe

l’intuizione)” L.De Crescenzo – Il tempo e la felicità –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...